Gli inglesi hanno trovato anche un termine per descrivere il fenomeno, ‘period brain’, ma in realtà a differenza di quello che comunemente si può pensare il modo di lavorare del cervello non cambia durante il ciclo mestruale.

I livelli di estrogeni, progesterone e testosterone non hanno alcun impatto sulla cosiddetta ‘memoria di lavoro’, fondamentale per risoluzione di problemi di calcolo e di ragionamento, e in generale sulle dinamiche cognitive o sulla capacità di prestare attenzione a due cose contemporaneamente. A evidenziarlo uno studio della Medical School Hannover, in Germania, insieme all’ospedale universitario di Zurigo, pubblicato sulla rivista Frontiers in Behavioral Neuroscience.

Per arrivare a questa conclusione gli studiosi hanno preso in esame per due cicli mestruali consecutivi 68 donne. Mentre l’analisi dei risultati del primo ciclo ha suggerito che alcune dinamiche a livello cognitivo e l’attenzione risultavano colpite, queste evidenze non sono state replicate nel secondo ciclo. “Anche se ci possono essere individualmente delle eccezioni- spiega Brigitte Leeners, autrice dello studio- le prestazioni cognitive delle donne non vengono generalmente disturbate dai cambiamenti ormonali che si verificano con il ciclo mestruale”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata