Secondo uno studio dell’Università di Cork, in Irlanda, pubblicato sulla rivista Microbiome, è stato infatti rilevato un legame tra alcuni regolatori dei geni nel cervello (detti micro RNA), che giocano in ruolo chiave nell’ansia e in malattie correlate, e i batteri intestinali. “I microbi intestinali sembrano influenzare i micro RNA nell’amigdala e nella corteccia prefrontale- spiega Gerard Clarke, tra gli autori dello studio – questo è importante perché possono influenzare processi fisiologici fondamentali per il funzionamento del sistema nervoso centrale e in regioni del cervello(come appunto l’amigdala e la corteccia prefrontale) che sono fortemente implicate nello sviluppo di ansia e depressione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata