Per il Governo è una nuova “Caporetto”: su invito del Coordinamento Nazionale No Triv, informa una nota, ben sei Regioni, infatti, hanno deliberato di impugnare il decreto del ministero dello Sviluppo Economico del 7 dicembre 2016, pubblicato poi lo scorso aprile, che definisce il disciplinare per il rilascio e l’esercizio dei titoli minerari su prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi. Le Regioni sono Calabria, Basilicata, Puglia, Abruzzo, Marche e Veneto. La maggior parte, ben cinque, sono a guida centro-sinistra ed una, il Veneto, centro-destra. Era già accaduto in occasione della richiesta del Referendum No Triv. Alle Regioni bisogna aggiungere anche i Comuni di Vasto e Pineto, entrambi in Abruzzo. Fatale per il Mise è stata la recente sentenza n° 198/2017 con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato che non spetta allo Stato e, per esso, al Mise adottare il Disciplinare-tipo senza adeguato coinvolgimento delle Regioni, e che, pertanto, il Discplinare del 2015 ed anche quello del 7 dicembre 2016 sono illegittimi. A questo punto -afferma Tiziana Medici, portavoce e cofondatore del CNNT- “Il Mise ha di fronte a sé due alternative: o ritira il Disciplinare del 7 dicembre 2016 e ne riscrive uno del tutto diverso, cancellando tutte le amenità denunciate pubblicamente dal CNNT, ricercando l’Intesa con le Regioni, oppure andrà incontro a sonore sconfitte nelle aule dei tribunali ogni qualvolta tenterà di adottare un qualsiasi atto che richiami il Disciplinare-tipo dichiarato incostituzionale dalla Corte. Noi saremo lì ad attenderlo”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata