La prima puntata l’abbiamo dedicata al ‘Metodo Ruffini‘: in studio presente come sempre la conduttrice, giornalista Antonella Baronio insieme ai due ospiti davvero speciali, il Dottore e Ricercatore Gilberto Ruffini e il figlio Paolo Alessandro Ruffini, scopriremo tutte le novità su questo trattamento dermatologico davvero eccezionale.

Il ‘Metodo Ruffini’ è un trattamento a uso topico per la cura di patologie di pelle e mucose attraverso l’applicazione di ipoclorito di sodio (NaOCl), diluito in acqua in concentrazione compresa tra il 6 e il 12 per cento. Promette di curare oltre cento malattie e disturbi di pelle e mucose spesso insidiosi e resistenti alle cure tradizionali.

Dalle dermatiti alle micosi di pelle e unghie, dalla candida al papilloma virus, dalle ferite a infiammazioni, dall’herpes labiale al fuoco di Sant’Antonio, dal piede diabetico infetto alle temibili infezioni di Mrsa, dalle punture di vespe alle ustioni di meduse e scottature domestiche.

Agisce inoltre su diversi classi di agenti patogeni come virus, batteri, funghi, protozoi, parassiti. Il Dottor Ruffini ci spiegherà che il Metodo si serve dell’ipoclorito di sodio anche in altre situazioni come punture di insetti, bruciature da medusa e da piante urticanti e ustioni domestiche.

La cosa eccezionale è che questo Metodo viene applicato in diversi ambiti come dermatologia, ginecologia, chirurgia, oculistica, infortunistica cutanea (ferite, punture urticanti di piante o animali, ustioni domestiche) e igiene personale.

Infine parleremo del nuovo libro “Vi presento il Metodo Ruffini”, un biglietto da visita per chi si approccia per la prima volta al rivoluzionario trattamento dermatologico o comunque per chi vuole saperne di più. Oltre a una selezione di testimonianze scritte e fotografiche, ad arricchire il volume troviamo alcuni preziosi contributi di medici, ricercatori e altri specialisti. In particolare sentiremo della naturopata Patrizia Marini, che spiega come il Metodo possa abbattere le spese sanitarie e affrontare hpv e batteri killer.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata