Finalmente sembra che riusciremo a sconfiggere la psoriasi, una malattia eritemato-desquamativa cronica recidivante che ha un alto tasso d’incidenza in tutto il mondo. In arrivo un nuovo farmaco biologico che promette di ‘cancellare’ i segni della psoriasi.

 

Infatti lo studio Report PsoClear appena presentato al 27° Congresso della European Academy of Dermatology and Venereology in corso a Parigi, dopo aver preso in esame due ricerche (Amagine-2 e Amagine-3) e un campione di oltre 4.300 pazienti, ci ha presentato il nuovo farmaco che dovrebbe risolvere il problema della psoriasi.

Approvato in Europa dall’Ema nei prossimi mesi dovrebbe essere disponibile anche sul mercato Italiano, una volta approvato dall’Aifa, verrà prodotto da Leo Pharma.

“E’ un passo avanti ho pazienti che non possono più avere una vita normale. C’è una donna talmente piena di placche che non può neanche sedersi perché la pelle è a pezzi e non si può appoggiare. E convive con la psoriasi da 30 anni. Ora qualche cosa può cambiare” ha spiegato il professor Marc Radtke, dell’Institute for Health Care Research in Dermatology and Nursing di Amburgo che ha seguito la sperimentazione.

“Anche se una percentuale relativamente piccola della superficie corporea è affetta dalla psoriasi, può comunque rappresentare un notevole disagio per i pazienti. Gli ultimi dati su brodalumab sono di grande interesse per medici e pazienti, perché mostrano il risultato che il trattamento può ottenere sia complessivamente sul corpo sia in specifiche aree. Tutto questo ci dice che con i trattamenti più recenti si raggiungono gradi elevati di cute libera da lesioni” ha spiegato il professor  Radtke.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata