Le patologie cardiovascolari, responsabili del 44% di tutti i decessi, continuano a rappresentare la principale causa di morte in Italia e il colesterolo alto, a qualsiasi età, è uno dei principali fattori di rischio, oltre che uno dei pochi modificabili. Ecco perché, oltre a mantenere uno stile di vita sano, è molto importante tenere questo valore del sangue sotto controllo, come conferma Alberico Catapano, ordinario di farmacologia alla Statale di Milano.

“Con la glicemia alta ci sono dei sintomi, con la pressione alta ci sono dei sintomi, con il colesterolo alto purtroppo, se non in casi molto particolari dove si ha un colesterolo di 600 o 700 milligrammi per decilitro, per il resto non ci sono segni se non quando uno si fa l’infarto o qualche altra malattia cardiovascolare per cui è ancora più subdolo”.

Un ruolo chiave è allora riconosciuto al monitoraggio costante e da oggi un nuovo strumento, Armolipid Mytest Colesterolo, permette di cominciare con un semplice test da acquistare in farmacia. Matteo Surace, responsabile medical affairs di Mylan.

“Il test è molto semplice, si fa banalmente con una goccia di sangue, e in un minuto si ha il risultato che facilmente si può leggere su una scala con variazioni cromatiche per valutare la situazione. Questo può essere un primo passo per avvicinare, far accedere l’utente che ravvisi con questi test qualche anomalia, verso figure chiave come quella del farmacista o del medico per gli approfondimenti del caso”.

Si tratta dunque di strumento in più per indirizzare precocemente la persona verso lo specialista, che non diminuisce l’importanza della prevenzione primaria. Attraverso un approccio non farmacologico, agendo sui fattori modificabili come il fumo, la dieta o la mancanza di attività fisica, secondo le più recenti linee guida internazionali si può infatti prevenire fino all’80% delle malattie cardiovascolari.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata