Nuove terapie per i bambini farfalla

Sono chiamati bambini farfalla perché la loro pelle è talmente fragile che anche giocare oppure correre, per loro, rappresenta un rischio per la salute.

Questi bimbi sono affetti da epidermolisi bollosa, una condizione che provoca bolle e lesioni sulla pelle e nelle mucose interne a causa di frizioni, anche le più lievi, e a volte addirittura spontaneamente.

Come è successo ad Hassan, piccolo profugo siriano. A salvarlo è stato il team del Centro di Medicina Rigenerativa dell’Università di Modena e Reggio Emilia di De Luca e Pellegrini.

Il professor Michele De Luca è direttore del Centro e, insieme a lui e al team di lavoro che comprende diverse professionalità, intervistate da Claudia Barigozzi, abbiamo approfondito l’argomento in questo speciale di Medicina Amica.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata