Secondo lo studio ‘No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from Nature to People’ condotto dall’Università di Newcastle a nord di Sydney e commissionata dal WWF. I ricercatori hanno combinato i dati di oltre 50 precedenti ricerche arrivando alla conclusione che anche l’uomo ‘mangia’ la plastica. Emerge infatti che se ne ingeriscono fino a 2000 minuscoli frammenti per settimana, che corrispondono a circa 5 grammi, l’equivalente in peso di una carta di credito. In media sono pari a oltre 250 grammi l’anno.

Per la maggior parte delle particelle sono sotto i 5 millimetri e vengono assunte con l’acqua che si beve sia dalla bottiglia che dal rubinetto. La microplastica è infatti presente nell’acqua di tutto il mondo partendo da quella di superficie per finire nelle falde.

Le particelle si trovano inoltre nei frutti di mare, birra e sale; questi sarebbere gli alimenti con i più alti livelli registrati.

Questi risultati segnano un importante passo avanti nel comprendere l’impatto dell’inquinamento da plastica sugli esseri umani ma devono servire da campanello d’allarme per i governi, ha dichiarato il direttore internazionale di Wwf, Marco Lambertini.

“Mentre le ricerche indagano sui potenziali effetti negativi sulla salute umana è chiaro a tutti che si tratta di un problema globale, che può essere risolto solo affrontando le cause alla radice. Se non vogliamo plastica nel corpo, dobbiamo fermare i milioni di tonnellate di plastica che continuano a diffondersi nella natura. E’ necessaria un’azione urgente a livello di governi, di imprese e di consumatori, e un trattato globale con obiettivi globale” ha spiegato Marco Lambertini.

Secondo Lambertini infine l’ingestione è solo un aspetto di una molto più ampia crisi della plastica. L’inquinamento da plastica è una grave minaccia alla fauna, non solo attraverso l’ingestione di microplastica ma anche con la distruzione di habitat.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata