Piacenza Nuovo vertice questa mattina in Prefettura a Piacenza per fare il punto della situazione in merito alle ricerche di Elisa Pomarelli e Massimo Sebastiani di cui non si hanno più notizie da oltre 10 giorni. Il prefetto Maurizio Falco ha deciso uno stop alle ricerche dei volontari e dei corpi civili, e spazio agli specialisti dell’Arma dei carabinieri. “Abbiamo ricevuto da parte carabinieri, che coordinano le operazioni e conducono le attività di indagine giudiziaria, una richiesta di sospensione delle ricerche del volontariato” ha precisato il prefetto “ci sarà invece un’intensificazione localizzata delle attività di polizia giudiziaria. Questo cambio è stato oggetto di discussione coi sindaci che sono sempre un sensore strategico del territorio“. Ora vi è l’esigenza di avere sul campo personale più tecnico che appartiene all’indagine giudiziaria, ha anche spiegato il prefetto Falco e squadre di specialisti arriveranno a breve. Intanto ieri sera oltre 500 persone sono scese in piazza per esprimere solidarietà alla famiglia di Elisa, riunite da una fiaccolata organizzata dagli amici della 28enne sparita il 25 agosto scorso dopo un pranzo a Ciriano di Carpaneto con l’amico 45enne anch’egli irreperibile e indagato per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il corteo è partito dall’abitazione della famiglia Pomarelli a Borgotrebbia con in testa il padre la madre e le sorelle della giovane. “Non smettiamo di sperare che sia viva – ha detto la mamma, Maria Cristina Dal Capo – e ringraziamo tutte le persone che sono qui e che ci stanno vicine in questi giorni molto difficili. Elisa non ci ha mai dato problemi, era una ragazza che credeva molto nell’amicizia, si fidava delle persone e forse proprio questo potrebbe essere stato il problema. Conosco Massimo Sebastiani, forse le ha fatto del male, ma non penso che abbia avuto la forza di ucciderla“. Un avanzamento sotto il profilo delle indagini anche per quanto riguarda Sebastiani c’è stato come ha precisato il prefetto Falco che però non ha aggiunto altro.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata