FFF Milano scrivono a Sala, manca cambio rotta

“È assolutamente necessario coinvolgere tutti i cittadini di Milano, sia singolarmente sia tramite le associazioni, gli enti e le istituzioni nelle quali sono inseriti, affinché divengano protagonisti di un radicale cambiamento sia delle proprie abitudini e dei propri modelli di consumo, sia dell’organizzazione e del funzionamento della città”: è quanto si legge nella lunga lettera pubblicata sul profilo Facebook di Fridays For Future Milano indirizzata al sindaco Giuseppe Sala, dato che “il Comune non sembra avere capito la necessità di un cambio di rotta rapido e profondo”.

Nella lettera viene ricordata la Dichiarazione di Emergenza Climatica e Ambientale, approvata dal Consiglio Comunale lo scorso 20 maggio e contenente “impegni puntuali e condivisi”.

Invece “a sei mesi dall’approvazione della D.E.C.A. la Giunta da Lei diretta non ha ancora comunicato con chiarezza alla cittadinanza la gravità della situazione climatica e ambientale e l’urgenza di correre ai ripari”.

FFF Milano chiede quindi a Sala di “informare la cittadinanza attraverso tutti i mezzi disponibili sullo stato di emergenza climatica e ambientale”, di “convocare i cittadini in assemblee periodiche di municipio e di quartiere per avviare un sistema di democrazia partecipata” e di “adoperarsi per rendere i cittadini consapevoli della grave situazione attuale e di quella peggiore prospettata dalla maggioranza del mondo scientifico”.

“Nella classifica delle città più inquinate – si legge ancora – Milano è ai primi posti. Per questo motivo, in considerazione delle Sue dichiarazioni in tema ambientale e delle Sue numerose deleghe/competenze, Lei e la Sua Giunta non potete esimervi dal varare una radicale e coraggiosa svolta con il coinvolgimento diretto della cittadinanza nella definizione di un piano d’azione con scadenze precise e con obiettivi misurabili, finalizzato a trasformare Milano in una città ad impatto zero entro il 2030”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata