Tabacco, metastasi polmonare e tumore al seno: è la nuova correlazione messa in evidenza da uno studio statunitense pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications. Le fumatrici con tumore al seno, secondo la ricerca, hanno una probabilità molto alta di sviluppare metastasi polmonari. Il carcinoma nelle tabagiste si diffonde spesso in altri organi e ad essere presi di mira in particolari i polmoni già messi a dura prova dal tabacco. La sigaretta diminuisce drasticamente le probabilità di sopravvivere al cancro arrivando al solo 33%.  Sebbene esistano diversi studi che hanno dimostrato  che i tabagisti hanno minori possibilità di guarire dopo una diagnosi i tumore, non ci sono ad oggi molte prove su un collegamento diretto fra la nicotina e le metastasi polmonari derivanti da cancro al seno. I dati raccolti mostrano che l’esposizione alla nicotina crea nei polmoni un ambiente propizio allo sviluppo e alla crescita delle metastasi ai polmoni. L’evoluzione metastatica del carcinoma mammario poi è decisamente più probabile nelle donne che continuano a fumare. Il tabacco tuttavia, come precisano gli studiosi della Wake Forest School of Medicine degli Stati Uniti, rappresenta un pericolo per la salute sempre anche in assenza di forme tumorali di cui peggiora la prognosi. Il fumo continua ad essere la prima causa di morte nell’Occidente e uccide ogni anno, in Italia più di 70mila persone e nel mondo le sigarette provocano più decessi di alcol, Aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata