E’ stato il primo a credere nell’efficacia del plasma iperimmune per combattere il covid-19. Ha lottato per il suo utilizzo, spesso da solo nonostante i successi e le guarigioni di centinaia di pazienti. Il dottor Giuseppe De Donno, pneumologo dell’ospedale Carlo Poma di Mantova, salito alla ribalta delle cronache per aver utilizzato con successo il plasma iperimmune nei pazienti affetti da coronavirus, compresa una mamma in attesa, ha scelto di cambiare vita e di intraprendere una nuova carriera come medico di medicina generale a Porto Mantovano. Le motivazioni verranno spiegate nella diretta su Facebook organizzata mercoledì sera alle 21 anche alla presenza del direttore generale dell’asst di Mantova, Raffaello Stradoni, del sindaco di Curtatone, Carlo Bottani, oltre ad un consigliere comunale di Porto Mantovano, Roberto Mari. Il direttore dell’Immunologia e medicina trasfusionale Massimo Franchini, raggiunto telefonicamente da noi, ha sottolineato come in questi mesi di pandemia siano giunte centinaia di richieste per ottenere la cura al plasma iperimmune contro il covid e come il dottor De Donno sia stato travolto da uno tzunami mediatico. Giuseppe De Donno, che tanto si è impegnato per l’utilizzo di questa terapia non ha dubbi sulla sua efficacia.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata