Ci sono tumori spesso inoperabili o resistenti alle tradizionali cure radioterapiche che possono essere trattati con l’adroterapia, che prevede l’uso di protoni e ioni carbonio. Queste particelle, definite adroni, per le loro caratteristiche sono più efficaci nel distruggere le cellule tumorali.

A Pavia, presso uno dei sei centri al mondo che utilizza questa metodica, ci sono diverse novità: una nuova area per la protonterapia, con una tecnologia particolarmente indicata per i tumori pediatrici e un’altra area per la ricerca su una terapia sperimentale applicabile alle metastasi.

Conosceremo tutte queste novità attraverso i medici che lavorano al centro Nazionale di Adroterapia Oncologica pavese e sentiremo anche le toccanti testimonianze di alcune pazienti che racconteranno le loro esperienze cariche di sofferenza e nello stesso tempo di speranza.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata