Il referendum per l’abolizione della caccia non si farà.  La Corte di Cassazione ha infatti ufficializzato il mancato accoglimento della domanda presentata dal Comitato Si aboliamo la caccia, a causa delle irregolarità rintracciate in oltre 170mila sottoscrizioni.  Sotto accusa ci sono secondo gli organizzatori della raccolta firme, soprattutto le inadempienze dei comuni,  per ritardi nella validazione delle firme che hanno reso inaccoglibili il 30% delle 520mila sottoscrizioni raccolte. Per questo il Comitato Promotore rivolge un appello direttamente al ministro Luciana Lamorgese.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata