Cremona. Secondo quanto emerge dal report di Legambiente “malaria 2021” Cremona si conferma al primo posto per la concentrazione di polveri sottili. Eppure i vertici comunali e regionali parlano di questioni prettamente morfologiche e non delle politiche ambientali possibilmente inadeguate. Le giustificazioni non convincono Codacons.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata