Walter Vioni, il primo viticoltore “orgonico” al mondo che utilizza le scoperte di William Reich e terapie egizio essene con Bernard Rouch

Eccovi una anticipazione degli argomenti che tratteremo in questa puntata di Laboratorio Salute; vi presenteremo Walter Vioni, il primo viticoltore “orgonico” al mondo che utilizza le scoperte di William Reich e chiederemo preziosi consigli al dottor Bernard Rouche, conferenziere e scrittore, esperto di terapie egizio essene.

Walter Vioni, esperto di agroecologia viticola ed enologia naturale ci spiegherà come mai nel 2016 ha deciso di passare dalla viticoltura biodinamica e rigenerativa a quella orgonica.

Vi mostreremo come Walter riesce a produrre vino utilizzando la biofisica orgonica attraverso botti realizzate manualmente come un accumulatore orgonico con casse di legno, lana e metallo per mantenere alti i livelli di energia orgonica ottenuti in tutte le fasi di produzioni.

L’orgonomia, la scienza del rapporto dell’uomo con la natura, sviluppata dal lavoro e dalle scoperte di Wilhelm Reich (1897-1957), psicoterapeuta mente-corpo e scienziato naturale pionieristico. Negli anni ’20, come medico e psicoanalista, indagò in dettaglio sulla vita sessuale dei pazienti, cosa sconosciuta fino a quel momento nella Vienna vittoriana.

All’inizio degli anni ’30, ha esplorato come le emozioni rappresentino la percezione del movimento energetico nel corpo e che il carattere nevrotico di un paziente riflette le emozioni trattenute dall’armatura muscolare. A quel tempo, aveva fatto tre grandi scoperte con profonde implicazioni per la comprensione del funzionamento umano: la libido è un flusso di energia reale, la funzione dell’orgasmo è di regolare il flusso di energia, l’armatura muscolare interferisce con il flusso di energia e ne impedisce la regolamentazione.

Negli anni ’30 la sua ricerca si rivolse alla scienza di base per identificare l’energia con cui lavorava nei pazienti. I suoi esperimenti bioelettrici hanno dimostrato che le sensazioni soggettive possono essere oggettificate. Per studiare le basi delle sensazioni di flusso descritte dai pazienti quando avevano lasciato andare la loro armatura, ha studiato al microscopio lo streaming di protoplasma nelle amebe. Negli esperimenti per osservare la formazione di protozoi, ha scoperto ciò che ha chiamato “bion”, la particella elementare della vita. Alcune preparazioni di colture bioniche osservate al microscopio hanno rivelato un’energia radiante con caratteristiche correlate ma diverse dalla bioelettricità e dalla radiazione elettromagnetica.

Nel 1939 scoprì l’energia come energia primaria nell’atmosfera e la chiamò “orgone”, da organismo e orgasmo, e scienza del suo studio “orgonomia”, poiché l’astronomia è lo studio delle stelle (astros, in greco stella ). Ha concluso che l’energia orgonica atmosferica costituisce la base del tempo e l’orgone cosmico la base della formazione delle galassie. Reich fu il primo a studiare questa energia con metodi scientifici occidentali e da innumerevoli osservazioni concluse che l’orgone rappresenta la forza vitale che esiste e si muove spontaneamente in tutti gli esseri viventi e in tutto l’universo.

Il lavoro di Reich si è sviluppato naturalmente attraverso regni progressivamente più ampi e più profondi: dalla psicologia, medicina, agricoltura, sociologia, biologia, alla fisica di un’energia primordiale libera da massa, spontaneamente in movimento, l’orgone, che è alla base di tutti i processi in natura.

La ricerca di un’energia vitale che condiziona la vita e il benessere degli uomini ha radici molto lontane. Nei secoli, numerosi sono stati gli scienziati che hanno cercato di fare chiarezza su questa forza. Nessuno di loro tuttavia, ha raggiunto gli ambiziosi traguardi conquistati da Wilhelm Reich, psichiatra e psicoanalista allievo di Freud, il primo in grado di studiare, misurare, accumulare e addirittura utilizzare questa energia, da lui stesso definita orgonica. Questa stessa energia viene utilizzata proprio da Walter Vioni per produrre vino orgonico.

Le notizie quotidiane sulla guerra in Ucraina ci condizionano, creando la paura di non poter controllare la nostra vita. Questa situazione sta creando nelle persone angoscia e tensione con relativa perdita di equilibrio. Da qui nasce l’incertezza per il futuro, ma anche per il presente. Non abbiamo più punti saldi a cui fare riferimento. In studio, Bernard Rouch, esperto di terapie egizio essene, ci spiegherà come possiamo affrontare questo delicato momento di incertezza, cosa possiamo fare per rimanere in salute disintossicando il nostro corpo e come collegarsi alle guide interiori, ritornando in contatto con la natura.

Bernard Rouch nasce a Montpellier (Francia) nel 1968. Ha conosciuto fin dalla primissima infanzia la filosofia spirituale indiana, trascorrendo molti periodi in monasteri tibetani. Fin dall’adolescenza ha sviluppato una grande sensibilità nell’approccio dei corpi sottili e delle realtà di tipo energetico e metafisico, frequentando il gruppo originale che ha riscoperto le Terapie Egizio-Essene. Ha completato i suoi studi conseguendo una laurea in Ingegneria (Diplome d’ingénieur presso l’Institut National des Sciences Appliquées de l’Etat Français di Tolosa) e un Master all’Ecole Nationale Supérieure des Télécommunications di Parigi. Con un’esperienza ventennale, da oltre una decina d’anni insegna a gruppi di allievi sempre più numerosi in varie città italiane e all’estero, in Francia, in Spagna, e in Québec (Canada).

Per maggiori informazioni

Walter Vioni

Agroecologia Viticola ed Enologia Naturale

Azienda  Vitivinicola “La Pietra “ Castell’Arquato ( PC )

cell. 351 8479305

email walter.vioni@libero.it

Dottor Bernard Rouch

www.bernardrouch.com

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata