Non c’è pace per le tasche dei cittadini cremonesi. La vita è sempre cara e lo dimostrano i dati sull’andamento dei prezzi al consumo diffuso dal Comune. Nel mese di luglio l’aumento tendenziale è stato del 7,1%. Ancora una volta, a trascinare il tasso di incremento nella sua corsa al rialzo sono soprattutto trasporti, abitazioni (con un +24,9% su base annua, in particolare a causa dell’energia elettrica che cresce del 93,4% e del gasolio che cresce del 49,4%), e i prodotti alimentari (+7,3% su base annua, indice a sua volta trascinato, in particolare, da oli e grassi, +14,8%, e pane e cereali, +11,0%, ma anche da carne, pesce e latte, rispettivamente +5,4%, +8,7%, +7,1%). Dal Codacons arriva l’appello affinché venga tolta o abbassata l’Iva almeno sui beni di primi necessità.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata