Cremona. Alle famiglie già provate dagli aumenti di luce e gas, stanno arrivando, tramite gli amministratori di condomini, lettere in cui si chiedono maggiori garanzie, aumenti dei depositi cauzionali, pagamenti delle fatture in tempi più brevi per poter continuare ad avere luce e gas nelle parti comuni come le scale, i giardini, gli ascensori e le cantine.  In caso contrario, non si riceveranno più i servizi. Sulla questione interviene il Codacons, l’associazione che tutela i consumatori. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata