Cremona Grande protesta dei sindacati questa mattina davanti al carcere di Cremona, per dire basta ad una situazione insostenibile: mancano oltre 40 unità di polizia, 4 educatori, essenziali per il reinserimento dei detenuti, e poi ancora medici, psichiatri, senza contare l’assenza di un comandante in pianta stabile da oltre 4 anni. Per contro I detenuti protetti, che sono ben 150, stanno aumentando. Le aggressioni sono un rischio quotidiano e il controllo dei detenuti sempre più arduo.

Paola Talamazzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata