Battute finali nel segno della bella equitazione nel ‘Gran Premio San Marino-Arezzo – Presented by Fixdesign’ che ha concluso la seconda edizione dello CSIO di San Marino-Arezzo, ultima tappa del circuito di Divisone 2 della ‘Furusiyya FEI Nations Cup™ series 2014’ disputata negli impianti dell’Arezzo Equestrian Centre.
A scrivere il suo nome nell’albo d’oro del concorso, subito dopo quello del fuoriclasse brasiliano Rodrigo Pessoa vincitore del Gran Premio dello scorso anno, è stato il cavaliere polacco Jaroslaw Skrzyczynski in sella a Crazy Quick. Skrzyczynski ha così confermato, con il successo nella prova individuale più importante della manifestazione (categoria a due manche con ostacoli a 1 metro e 50/60 di altezza), il suo ottimo stato di forma. Nello CSIO aretino, infatti, conta complessivamente due vittorie e molti piazzamenti. Su tutte spicca però la prestazione di questo pomeriggio in Gran Premio. Skrzyczynski, ultimo a entrare in campo tra i 15 cavalieri ammessi al barrage (tutti con un percorso netto nel primo round) ha affrontato con grande coraggio e velocità le combinazioni predisposte da Uliano Vezzani, chiudendo con un secondo percorso netto nel tempo di 37.68 secondi. Prestazione sufficiente a strappare la testa della classifica per soli nove centesimi al venezuelano Andres Rodriguez su Caballito che si è così dovuto accontentare della piazza d’onore (0/0; 37.77).
“Il mio cavallo è molto caldo, ha un carattere particolare – ha spiegato Skrzyczynski – lo monto da quattro anni, perché nessuno si trovava bene con lui. Ma a me piace molto. il percorso era molto bello. Uliano Vezzani rappresenta un po’ il nuovo modo di tracciare i percorsi con lunghe distanze tra un ostacolo e l’altro. Così devi galoppare veloce e mantenere il controllo. Non è stato facile, anche perché il tempo fatto da Andres Rodriguez mi ha messo molta pressione e ho dovuto rischiare il tutto per tutto. È andata Bene”.
Terza piazza per l’amazzone finlandese Anna-Julia Kontio su Fardon (0/0; 38.06), quarta per il binomio svedese formato da Linda Heed e Bee Wonderful (0/0; 38.33). Alle sue spalle il primo dei sei azzurri entrati nella seconda manche, Bruno Chimirri, che ha chiuso al quinto posto della classifica finale con Luca (0/0; 41.09).
Molto felice anche il trainer polacco Zbigniew Kaczorowski: “Il concorso di Arezzo è veramente organizzato bene e al di la della delusione per il risultato di Coppa, anche se siamo felici per la vittoria Italiana. Il successo in Gran Premio ci soddisfa però in pieno. La prossima settimana saremo ancora in Toscana, al CSI a tre stelle de La Bagnaia. Quanto al futuro, beh, speriamo di ricevere un invito per partecipare alla tappa di Coppa del Mondo di Verona”.
Altrettanta soddisfazione arriva dal presidente della Federazione Ippica Sammarinese, Antonio Lazzaro Volpinari e dagli organizzatori del concorso Riccardo Boricchi, Carlo Bernardini e Bruno Quadrelli: “Il bilancio è certamente positivo e la collaborazione tra San Marino e l’Arezzo Equestrian Centre è destinata a rinnovarsi anche nei prossimi anni” – concordi hanno sottolineato dando l’appuntamento a tutti per lo CSIO 2015”.

 

Lo CSIO di San Marino-Arezzo disputato all’Arezzo Equestrian Centre dal 18 a 21 settembre, fa parte della Divisione 2 della ‘Furusiyya FEI Nations Cup™ series 2014’, il circuito internazionale delle Coppe delle Nazioni.
Si è svolto sotto la bandiera della Repubblica di San Marino e, dopo quello di Roma-Piazza di Siena, è il secondo CSIO che si disputa sul territorio italiano, riprendendo una tradizione interrotta nel 2001. Già negli anni ’90 le prime edizioni dello CSIO di San Marino furono infatti promosse da Luciano Pavarotti nel suo impianto di Modena. Il legame con gli esordi continua grazie al patrocinio della Fondazione Pavarotti.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata