Ieri lunedì 17 ottobre in occasione di un evento esclusivo organizzato a Milano da Headquarter Pommery (champagne) con uno showcooking dello chef Cracco gli animalisti del movimento Iene Vegane si sono organizzati per un blitz di protesta pacifica ma vivace.

Gli attivisti con questa azione diretta hanno accusato uno chef simbolo di orientare il pubblico e istigarlo all’animalicidio proponendo ricette quasi esclusivamente a base di animali morti. Un cartello ha ripreso un suo menu tipo che elenca numerose portate esclusivamente di carne e hanno ribadito che gli animali non sono cibo ma esseri viventi con diritto a libertà e vita, invitando tutti a una riflessione e a boicottare l’evento.

Le scelte etiche, come il veganesimo, potrebbero salvare i 170 miliardi di animali uccisi ogni anno nel mondo per essere mangiati, 19 milioni ogni ora. In Italia 2 miliardi e mezzo l’anno. Un olocausto infinito per una scelta egoistica legata ad abitudini e gusto.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata