Durante lo Speciale di Medicina Amica, abbiamo trattato il tema della sensibilità chimica multipla, una patologia altamente invalidante determinata da una intolleranza idiopatica ambientale ad agenti chimici.

Il ministero della Salute la definisce come «intolleranza idiopatica» (ossia senza una causa ben definita) che nascerebbe «dall’esposizione a sostanze chimiche generalmente tollerate da altri individui». Chi ne è affetto prova nausea, tachicardia, disfunzioni sensoriali, dolori muscoloscheletrici o gastrointestinali… ogniqualvolta entra in contatto con particolari agenti chimici.

Presso l’Università di medicina di Modena si è svolto il primo convegno nazionale su questo argomento che ha visto, riuniti intorno ad un tavolo, i massimi studiosi ed esperti di questa sindrome.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata