P.A.N.D.A.S: la sindrome spiegata in un toccante docu-film

Una mattina tuo figlio si sveglia e non lo riconosci più. E’ un bambino sperduto che vive nel suo mondo colpito da una sindrome sconosciuta: P.A.N.D.A.S. Arriva all’improvviso, travolge la vita di tuo figlio, un bambino sano, di tutta la famiglia, ti catapulta in un tunnel di isolamento e sofferenza.

Sono queste le parole che utilizzano i genitori dei bambini affetti da P.A.N.D.A.S per spiegare la loro vita dal momento in cui la sindrome si impossessa delle loro creature. P.A.N.D.A.S, acronimo di Pediatric Autoimmune Neuropsychiatric Disorder Associated with a Streptococcy (ovvero disordine autoimmune pediatrico associato a infezioni da Streptococco) è una malattia “pediatrica” rara non riconosciuta in Italia. Si presenta sotto forma di Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC), Tic, iperattività, Ansia da separazione, irascibilità, compiere rituali, difficoltà nella scrittura, nella matematica e nelle attività cognitive, allucinazioni.
I sintomi spesso hanno un andamento ciclico e sovente alcuni di essi compaiono improvvisamente. Se la malattia è diagnosticata in tempo i sintomi sono reversibili, in altri casi ci vogliono anni per ottenere dei buoni risultati.

Di P.A.N.D.A.S, in Italia, si parla ancora troppo poco e molti medici nemmeno ne riconoscono i sintomi, scambiandola per autismo o peggio ancora per disturbi psichiatrici ed ecco, allora, che scendono in campo le mamme, i papà. Grazie al loro coraggio e alla loro forza, qualcosa si sta muovendo. Proprio come è successo, lo scorso maggio, a Travagliato, in provincia di Brescia, in occasione della proiezione del film documentario “My Kid Is Not Crazy” di di Tim Sorel che racconta di come la dott.ssa Susan Swedo, più di 30 anni fa, scoprì che una infezione da streptococco non diagnosticata era la causa di una malattia che rendeva i bambini disabili, e non si trattava di pazzia. Una scoperta che sconvolse il mondo della medicina.

2 Risposte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata