L’Oipa, organizzazione italiana per la protezione degli animali denuncia la brutale morte di un pony legato e trascinato ad un mezzo. Le indagini su quanto accaduto proseguono e non si esclude l’ipotesi di un giro di macellazioni clandestine. Intanto l’Oipa si costituirà parte civile nel procedimento che seguirà alla  uccisione di questo povero  pony e ribadisce la necessità di un inasprimento delle pene per i reati di cui siano vittime gli animali anzitutto per l’esigenza di una loro piena tutela, ma anche perché studi scientifici attestano la correlazione tra la crudeltà sugli animali e la più generale pericolosità sociale di chi la commette.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata