Gli animali negli allevamenti intensivi di suini, bovini e avicoli in Olanda saranno ridotti di un terzo, grazie a misure che il governo ha predisposto con un investimento di 25 miliardi di euro. Lo scopo è quello di ridurre entro il 2030 del 70% le emissioni di azoto e ammoniaca legate alla zootecnia per centrare gli obbiettivi di contenimento del surriscaldamento globale.  Un impegno di responsabilità che anche l’Italia deve prender, anche se ad oggi non è emersa alcuna volontà di attuare un analoga misura e il dibattito a riguardo è assai indietro. L’appello di Wwf e Lav è al nuovo governo. Una riforma del settore zootecnico è importante soprattutto per la pianura padana, che ha oltre il 70% della produzione nazionale

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata