Lo scopo è quello di abolire la crudeltà della caccia che danneggia la fauna, l’ambiente e gli altri esseri umani. La natura va preservata mantenendo la sua biodiversità. L’Associazione che difende gli animali e l’ambiente prova dunque un nuovo approccio affinché l’attività venatoria venga soppressa. Occorrono 500 mila firme affinché l’iniziativa vada in porto, per impedire che una pratica tanto crudele continui, anche perché una parte delle tasse viene sperperata per il ripopolamento di animali selvatici proprio per l’insano divertimento dei cacciatori. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata