In piazza per Assange

Milano. Sono giorni decisivi per le sorti del giornalista australiano Julian Assange, recluso nel carcere di massima sicurezza di Londra: l’Alta Corte, infatti, è chiamata a stabilire se il fondatore di WikiLeaks, che rischia 175 anni di carcere per aver pubblicato file riservati che hanno svelato i crimini di guerra consumati dagli Stati Uniti nel carcere di Guantanamo, potrà continuare a discutere il suo caso in tribunale oppure se debba essere estradato a Washington.